Per capire come è possibile prendere l’attestato da steward, e dunque trasformarsi in un professionista a tutti gli effetti, è prima di tutto necessario chiarire i contorni di questa figura.

Chi è lo steward?

Chi è e cosa fa lo steward professionista

Lo steward è una figura professionale specifica che trova applicazione nei contesti più diversi, e per il quale prestanza fisica e bella presenza sono caratteristiche soltanto tangenziali alla sua capacità di svolgere un buon lavoro.

Nell’ambito di fiere ed eventi aziendali, lo steward ha il compito di rappresentare il brand, di interfacciarsi con visitatori e clienti in modo puntuale, preparato ed efficiente. Può inoltre gestire il punto accoglienza, assicurarsi della soddisfazione dei propri interlocutori, distribuire materiale informativo, operare come specialista di customer care.

Nell’ambito di meeting o convention, compito dello steward potrebbe essere quello di fornire non soltanto sostegno nelle attività di pubbliche relazioni, ma anche a livello tecnologico – ad esempio supportando l’azienda cliente nell’utilizzo di attrezzature come supporti tecnologici, computer e proiettori, così come nell’installazione dello stand.

Nell’ambito invece di grandi eventi ad alto tasso di traffico, lo steward è una figura fondamentale per la gestione del pubblico e della folla e il suo compito sarà di incrementare la sicurezza di tutti gli ospiti attraverso le corrette tecniche di safety.

Quanto illustrato finora permette di capire che la professione di steward richiede necessariamente una serie di skill specifici: non soltanto educazione, gentilezza e buona capacità di comunicazione, ma anche problem solving, familiarità con diverse tipologie di attrezzature, versatilità, conoscenza approfondita di tutte le normative e tematiche legate all’area della sicurezza e dell’ordine pubblico.

Ma come si diventa professionisti in questo campo? Partecipando a corsi dedicati e ottenendo attestati specifici. In pratica, prendendo l’attestato da steward.

La formazione per lo stewarding: come prendere l’attestato da steward

La figura professionale dello steward segue un iter formativo specifico che prevede, come base di partenza, almeno un diploma di scuola media superiore e la conoscenza delle lingue straniere. A seconda poi della tipologia specifica di stewarding (eventi, stadio, congressi, sicurezza in genere), vi saranno poi ulteriori corsi di formazione professionale specifici, che sono necessari a garantire tutte le competenze necessarie a operare in uno specifico settore.

In particolare per gli steward deputati alla gestione degli stadi, vi sono ad esempio corsi regionali con durata totale di 42 ore ed erogati annualmente. Tali corsi sono suddivisi in due parti: la prima è teorica, la seconda è pratica ed è di fatto uno stage all’interno degli stadi.

Agli steward che operano nell’ambito della sicurezza non si richiede dunque soltanto empatia, capacità di adeguarsi a mansioni anche diverse, prestanza fisica e bella presenza, ma soprattutto un addestramento specifico che compete l’area giuridica e di ordine pubblico, quella della security intesa come prevenzione e gestione di incendi, degli impianti sportivi, del pronto intervento sanitario, della gestione delle folle; quella psicologica e sociale necessaria a una corretta interazione con il pubblico; e naturalmente quella relativa all’area tecnica che riguarderà ogni specifico ambiente o impianto.

Desideri usufruire del servizio di steward professionisti? Rivolgiti subito agli specialisti di G Action Group.